riesco meglio ad affogare

E se staccano la mano che mi regge dalla pancia la paura è tanta,non mi sento ancora pronto.

domenica 2 maggio 2010

Torino trema


la gente in festa solo per il papa,
le mie paure di ingrassare e le fissazioni per gli addominali
ubriachi ogni week-end per vedere il mondo migliore
zaini troppo pesanti per spalle troppo fragili e storte,dicono in nome della cultura
pressoché inesistente in un paese dove il cristianesimo vince pure sulla politica.
maturità su fogli di carta e mancanza totale di un futuro.
precarietà e studi svogliati.
notti insonni e pomeriggi soporiferi intermezzati da ansiolitici naturali
il cui nome stimola ilarità di fronte al medico che li prescrive
disprezzamenti di donne che non sono alla nostra portata e fiumi di birra scadente
accompagnata da hamburger salvaeuro del Mc Donald's.
SOLO LE TUE LETTERE A RENDERMI FELICE.
solo la mancanza di un luogo dove scampare all'anonimia di serate sempre uguali.
nemmeno la capacità di proteggerci dalle minacce di psicopatici fermi alle stazioni.
nemmeno la grazia di sfuggire a schiaffi in nome di un mio razzismo dilagante
a me totalmente sconosciuto
non c'è soluzione,semplicemente,Monsieur.
come direbbe un bambino,tutto è sbagliato.
vorrei solo trovare una persona che mi insegnasse a volermi bene.

5 commenti:

  1. oh. quanto vorrei trovarla io per te.

    RispondiElimina
  2. Banalità, ma chi può farlo se non te?

    RispondiElimina
  3. allora continuerò ad odiarmi a vanvera

    RispondiElimina
  4. Come tutti, penso. O solo come me alla fine.

    RispondiElimina
  5. E' proprio tutto sbagliato.. Come le tue giornate sembrano uguali alle mie..

    RispondiElimina